home / Come gestire un progetto SEO all’estero

Come gestire un progetto SEO all’estero

E’ incredibile quanti clienti credono che semplicemente traducendo un sito in un’altra lingua, si possa pretendere di posizionare le pagine web nei vari paesi desiderati.

Purtroppo la situazione è ben diversa e fare un progetto SEO in un paese estero richiede uno sforzo ben maggiore, non solo semantico ma anche d’impostazione del sito.

Prima di tutto, è importante che due diverse versioni della stessa pagina in lingua diversa non stiano su uno medesimo dominio. Ciò quindi esclude una traduzione semplice dove l’unica differenza tra le due pagine è data dal suffisso /en e /ita (es: www.nomesito.com/en e www.nomesito.com/ita).
In altre parole, la cosa migliore è usare un dominio locale magari appoggiando il sito un server residente nel paese che ci interessa (es: www.nomesito.de). In alternativa, se non fosse possibile acquistare il dominio (alcuni paesi hanno restrizioni in merito e vogliono aziende residenti nel paese), può essere acquistato il .com e impostare una struttura con domini geolocalizzati di terzo livello (es: en.nomesito.com; it.nomesito.com, fr.nomesito.com).
Google tende a mostrare i risultati di una ricerca non in base alla lingua del tuo sito ma in base a dove si trova l’utente. Ne consegue che il nostro sito web deve sembrare nel paese in cui si desidera essere trovati. Per tale motivo è importante geolocalizzare ogni sito web o dominio di terzo livello all’interno di Google Webmasters Tool e fare in modo che la traduzione sia davvero affidabile.

Non solo la parte testuale deve usare termini che sono quelli effettivamente utilizzati nel paese in cui ci si vuole posizionare (e quindi sono da evitare traduzioni tramite CAT o comunque poso precise) ma anche le valute, gli indirizzi ed il numero di telefono. Vi pare che un sito in Messico possa avere l’euro come valuta ed un numero di telefono con prefisso Italiano? Google se ne accorge eccome!

Non finisce certo qui. Non basta geolocalizzare e posizionare un sito o un dominio di terzo livello in un determinato paese, occorre anche renderlo popolare “in loco”. Ecco che è importante fare in modo che il traffico provenga per la maggior parte dal paese d’interesse e che anche i social network collegati siano ben geolocalizzati, particolarmente Twitter che contribuisce notevolmente alla popolarità.

Poi, la parte più impegnativa, quella di ottenere link in entrata da siti “trusted” del paese ma anche citazioni su portali autorevoli e all’interno di notizie relative al paese in questione.

Rendere un sito ricercabile in un determinato paese è un progetto SEO dedicato, che include sia un’abile capacità semantica ma anche molti accorgimenti tecnici e d’impostazione, nonchè una capacità di rendere popolare e affidabile il sito su scala internazionale.

Scrivi un commento

Informativa cookie

Tonic is a Trademark owned by Dinamo S.r.l. - P.I./C.F. Pisa 01881080509