home / Novità in Casa Facebook: #Hashtag e Forse un RSS Reader

Novità in Casa Facebook: #Hashtag e Forse un RSS Reader

Due novità arrivano con l’estate per Facebook. La prima è l’adozione degli hashtag e, probabilmente, un nuovo lettore di news feed, dopo che Google ha annunciato l’imminente chiusura di Google Reader a luglio di quest’anno.
Già il motore di ricerca non indicizza più la pagina in italiano:

google-reader-no-robots

 

Usati la prima volta in IRC, gli hashtag sono diventati famosi quando sono stati introdotti da Twitter come parole chiave per contrassegnare un determinato argomento e sono poi stati adottati da altri social network come Pinterest, Instagram, etc.
Adesso anche Facebook ha annunciato di voler adottare questo sistema per l’indicizzazione della spropositata mole di contenuti che gli utenti caricano e condividono ogni giorno sui suoi server.
In questo modo dovrebbe essere più semplice seguire le varie conversazioni sul social network. Inoltre con questa strategia Facebook cerca anche di migliorare ulteriormente il suo motore di ricerca, che attualmente traccia le persone, le pagine e la posizione, gli interessi e le applicazioni.
Adesso è possibile cercare dalla barra di ricerca anche per tag.

Non c’è da spaventarsi, tutto funziona come prima e anche coloro che non sono già pratici nell’uso degli hashtag non avranno difficoltà. Semplicemente, scrivendo un messaggio o condividendo del materiale, quando inseriamo una o più parole precedute dal #, queste diventeranno automaticamente cliccabili dagli amici. Sono cliccabili anche gli hashtag delle immagini pubblicate tramite Instagram, che è stato comprato lo scorso anno da Facebook.
Quindi i tag possono essere ricercati dalla barra di ricerca in alto.
Ecco ad esempio cosa viene restituito cercando #calcio.

hashtag-calcio-facebook

Rispetto ai messaggi taggati negli eventi pubblici visibili a chiunque partecipi al gruppo, quelli con hashtag permettono un controllo della privacy e si può stabilire a chi renderli visibili. Quindi nell’elenco di tutti i messaggi contrassegnati con un tag, un utente potrà vedere solo i messaggi pubblici e quelli pubblicati dagli amici.

Ovviamente appena lanciato il nuovo sistema non sono mancate le polemiche. Il New York Times parla di “bulimia di massa” riferendosi all’abuso e all’uso improprio del cancelletto, affiancato a parole troppo lunghe o incomprensibili, mentre Mushable e TechCrunch si chiedono quanto possano essere utili e compatibili con il sistema di gestione privacy.
Facebook, infatti, è strutturato diversamente da Twitter ed è diverso il modo di fruire i contenuti. Twitter è più immediato e sintetico proprio per la sua struttura, gli hashtag servono per cercare in tempo reale. Facebook è più indirizzato verso la sfera privata, presentando contenuti e aggiornamenti che arrivano dagli amici o dalle pagine che si è scelto di seguire.
Infine non è facile (anche su twitter) per l’utente medio rendere visibile il proprio tag.
Ne parla proprio Daniel Victor, editorialista del New York Times qui:

L’adottare i tag sembra più una strategia mirata a conquistare gli inserzionisti, che avrebbero una formidabile arma da utilizzare, oltre al motore Open Graph.
Staremo a vedere come verrà implementato il sistema nel tempo.

La seconda novità potrebbe riguardare un nuovo lettore di News targato Facebook.
Mancano meno di due settimane alla chiusura di Google Reader e per il 20 giugno è stata annunciata una conferenza stampa e sono stati spediti inviti ai giornalisti per venire a scoprire un nuovo prodotto.
Potrebbe essere una sorta di lettore per gli  “articoli di tendenza su Facebok” o un vero e proprio lettore di RSS.
L’invito che è stato spedito recita:

“un piccolo team ha lavorato su una grande idea. Unisciti a noi per un caffè e vieni a scoprire il nuovo prodotto”.

E quando scriviamo “spedito” intendiamo veramente, usando le poste.
Sull’invito cartaceo c’è una macchia di caffè, proprio come si può trovare su un giornale letto la mattina a colazione e questo potrebbe far pensare ad un divertente stratagemma comunicativo per introdurre un lettore di News.

invito-misterioso-da-facebook

immagine tratta da abcnews.go.com

Forse il nuovo prodotto potrebbe avvalersi anche degli hashtag per individuare argomenti trendy.

Non c’è ancora nulla di sicuro ma un programmatore avrebbe trovato dei riferimenti ai feed rss nel codice delle API di Graph, che potrebbe far riferimento ad un lettore dedicato.
Gli algoritmi di facebook vedono tutta l’attività di tutti gli utenti: già adesso sono usati per offrire agli inserzionisiti in maniera anonima dati aggregati per ottenere target specifici, così allo stesso modo un lettore rss potrebbe sfruttare questi algoritmi per implementare un lettore interno o per mostrare gli articoli più condivisi dagli utenti, senza violazioni di privacy.
Quindi in alternativa, il nuovo prodotto di Facebook potrebbe anche somigliare di più a Reddit o un elenco di articoli che fanno tendenza, basati su ciò che è stato condiviso maggiormente dagli utenti sul social network.

Mancano 3 giorni, vediamo cosa tireranno fuori dal cilindro a Menlo Park.

Scrivi un commento

Informativa cookie

Tonic is a Trademark owned by Dinamo S.r.l. - P.I./C.F. Pisa 01881080509